Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Comunicati stampa ENTUSIASMANTE TRENTO - BONDONE

ENTUSIASMANTE TRENTO - BONDONE

ENTUSIASMANTE TRENTO - BONDONE

Sorpasso alla Trento Bondone.

É scattata a Trento, il 1 luglio, la 62° edizione della cronoscalata Trento - Bondone.

Settima prova valida per il CIVM ma anche per il CEM.

Un tracciato impegnativo e guidato, lungo i 17,1 km e chiamata l’”Università delle salite”.

Dopo la prova in pista di Vallelunga e lo sviluppo dell’auto sono state riviste alcune parti come l’impianto di alimentazione, la turbina e i rapporti del cambio.

Si è scelta, appunto, la gara trentina per testare le nuove modifiche, vista la lunghezza e la tecnicità del percorso.

La fiducia ha plasmato queste giornate, nonostante gli evidenti problemi di gestione del motore per enorme potenza del mezzo.

Fondamentali le prove che, per alcuni piloti, già conoscitori del tracciato, sono servite a verificare e regolare la vettura senza forzarla in vista della gara del giorno seguente.

Infatti il primo turno di prove, visti i problemi di fasatura del motore, Denny, ha scelto per una salita molto cauta. Mentre per il secondo turno si è deciso di adottare una tattica più grintosa al fine di regolare il set up.

Il tempo ricavatone è risultato molto interessante, infatti la differenza tra le due manche è di un minuto. Tempo assolutamente notevole.

Un sole cocente e la temperatura estiva hanno caratterizzato il weekend attirando numeroso il pubblico.

Inaspettata la coppia Zardo - Ambroso, a bordo rispettivamente di una Porsche 930 e di un’Osella PA9/90.

Un Bondone ricco di sorprese ma anche di difficoltà. Il campione trevigiano, conoscitore esperto della salita, portava in gara una macchina molto potente ma con problemi di gestione di alimentazione, mentre Ambroso arrivava alla crono trentina con sole due gare disputate nella stagione 2012.

L’assoluto di Zardo è ormai cosa nota ma nessuno si aspettava che Ambroso riuscisse a ottenere un risultato cosi incoraggiante: 11.44 il tempo finale, migliorando di 3 secondi a km rispetto la scorsa edizione.

Per Denny è stata una gara fondamentale.

Un problema al motore non ha fermato la ricerca dell’assoluto, aiutato anche dall’ottima performance delle gomme Avon studiate per lui.

Ha affrontato la prima parte di gara adottando una strategia difensiva, mentre, nella seconda parte ha sfoggiato la grinta ed è partito alla ribalta riuscendo a raggiungere e sorpassare ben due auto.

Molto soddisfatto a fine gara il driver ha dichiarato: “Non mi aspettavo una simile risposta dalla mia auto. Il mio obiettivo era di avvicinarmi al tempo di Almeras degli anni ’80, ma l’ho addirittura abbassato di 20 secondi.”.

Grande stimolo dunque per il proseguimento della stagione.

A fine gara non sono mancati i ringraziamenti da parte dei due piloti a Valerio Zardo e Danilo Giust per i consigli e lo sviluppo e l’assistenza assieme a Marco Zorzi per il sostegno morale.

Ora non rimane che attendere il prossimo appuntamento, fissato per il 5 agosto all’Alpe del Nevegal.

 
Azioni sul documento
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Visitatori unici dal
20 marzo 2008